La parola ai barbari. Come i popoli conquistati hanno disegnato lEuropa romana.pdf

La parola ai barbari. Come i popoli conquistati hanno disegnato lEuropa romana PDF

Peter S. Wells

I conquistatori romani li hanno chiamati «barbari». Cesare e Tacito ne hanno descritto gli usi primitivi, lo stile di vita selvaggio, le forme di organizzazione politica elementari: popoli senza alcuna tradizione scritta, con una scarsa identità sociale. Sono le popolazioni celtiche e germaniche che l’impero romano incontra, combatte e ingloba nella sua espansione in Europa, dalle Gallie alla Germania fino alla Britannia. Da allora il termine «barbaro» è sinonimo di arretratezza e inciviltà, un marchio con cui stigmatizzare l’altro ritenuto inferiore.Negli ultimi decenni, tuttavia, ricerche e studi archeologici hanno modificato la nostra percezione di questi popoli, rivelando un quadro sociale e culturale molto complesso e variegato. A partire da questa nuova prospettiva, Peter S. Wells propone una storia alternativa dell’epoca romana e compie un viaggio nel tempo che dall’età del Ferro giunge fino al iii secolo d.C.: resti di mura e templi, vasellame, gioielli, manufatti e monete provano l’esistenza di civiltà evolute, che dopo la conquista romana entrano in simbiosi con la cultura dei «vincitori» e svolgono un ruolo fondamentale nella trasformazione della società romana in ambito commerciale, militare e religioso.La parola ai barbari smentisce consolidati luoghi comuni e rende manifesta un’interazione culturale ricca e feconda, nella quale i tradizionali ruoli di conquistatori e conquistati sono stati in realtà meno rigidi di quanto tramandato dalla storiografia. È questo l’humus che ha reso fertile il terreno su cui si è sviluppata l’Europa, e da cui si è formato il primo nucleo della nostra identità.

Barbaro (in greco antico: βάρβαρος, bárbaros, passato in latino come barbarus) è la parola onomatopeica con cui gli antichi greci indicavano gli stranieri (letteralmente i "balbuzienti"), cioè coloro che non parlavano greco, e quindi non erano di cultura greca.

6.65 MB Dimensione del file
8842825646 ISBN
Gratis PREZZO
La parola ai barbari. Come i popoli conquistati hanno disegnato lEuropa romana.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.riao2010.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Dopo aver letto il libro La parola ai barbari.Come i popoli conquistati hanno disegnato l'Europa romana di Peter S. Wells ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà

avatar
Mattio Mazio

La parola ai barbari smentisce consolidati luoghi comuni e rende manifesta un’interazione culturale ricca e feconda, nella quale i tradizionali ruoli di conquistatori e conquistati sono stati in realtà meno rigidi di quanto tramandato dalla storiografia. È questo l’humus che ha reso fertile il terreno su cui si è sviluppata l’Europa, e da cui si è formato il primo nucleo della nostra PETER S. WELLS è professore di archeologia all’Università del Minnesota. Tra i suoi numerosi libri, ricordiamo La parola ai barbari. Come i popoli conquistati hanno disegnato l’Europa romana e La battaglia che fermò l’Impero romano.

avatar
Noels Schulzzi

Dopo aver letto il libro La parola ai barbari.Come i popoli conquistati hanno disegnato l'Europa romana di Peter S. Wells ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà

avatar
Jason Statham

La parola ai barbari smentisce consolidati luoghi comuni e rende manifesta un'interazione culturale ricca e feconda, nella quale i tradizionali ruoli di conquistatori e conquistati sono stati in realtà meno rigidi di quanto tramandato dalla storiografia. È questo l'humus che ha reso fertile il terreno su cui si è sviluppata l'Europa, e da cui si è formato il primo nucleo della nostra Dopo aver letto il libro La parola ai barbari.Come i popoli conquistati hanno disegnato l'Europa romana di Peter S. Wells ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà

avatar
Jessica Kolhmann

La parola "barbaro" è di origine greca e indicava lo straniero che non sapeva parlare perfettamente la lingua ellenica, dando l'impressione di balbettare (dalla voce onomatopeica bar-bar, propria di chi tartaglia).I Greci chiamavano dunque "barbari" tutti quei popoli che abitavano fuori dalla loro terra e che essi consideravano culturalmente e socialmente inferiori, anzitutto i popoli più