Il disturbo bipolare. Un approccio terapeutico cognitivo.pdf

Il disturbo bipolare. Un approccio terapeutico cognitivo PDF

A. Nisi (a cura di)

Lo sviluppo di modelli dintervento cognitivo-comportamentale mirati al Disturbo Bipolare risale allinizio degli anni 90. I pazienti furono ben lieti di poter aggiungere la terapia cognitiva al piano farmacologico in atto e il feedback verbale e scritto di vari pazienti indicava che il modello li faceva sentire più forti, che regnavaunatmosfera di collaborazione tra terapeuta e paziente e che le abilità di auto aiuto erano state insegnate in un modo graduale e facile da apprendere. Questo manuale di trattamento è stato appositamente sviluppato per insegnare questo modello.

Autore: Newman - Leahy - Beck - Reilly Harrington - Gyulai, Categoria: Libri, Prezzo: € 23,75, Lunghezza: 240 pagine, Editore: Fioriti Editore, Titolo: Il disturbo L’alleanza terapeutica è un fattore di primaria importanza nel trattamento del Disturbo Bipolare, considerando l’elevata oscillazione dell’umore nella quale si alternano stati depressivi a crisi maniacali, in cui il soggetto si percepisce grandioso o paranoico e subisce un’accelerazione del pensiero che sovente lo rende creativo, irritabile ed aggressivo.

7.97 MB Dimensione del file
8895930584 ISBN
Il disturbo bipolare. Un approccio terapeutico cognitivo.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.riao2010.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

30 mar 2017 ... Circa il 4% della popolazione ha un disturbo bipolare. ... compensato grazie ad una terapia adeguata e attenendosi ad una serie di regole di comportamento. ... L'approccio cognitivo-comportamentale prevede, infine, un ... La terapia del disturbo bipolare è principalmente di tipo farmacologico e deve ... di eventuali revisioni successive della terapia, può essere richiesto un ricovero ... sembra essere particolarmente utile l'approccio cognitivo-comportamentale che ...

avatar
Mattio Mazio

La depressione è un disturbo dell'umore che colpisce sia il corpo che la mente. ... Secondo l'approccio cognitivista, i pensieri e le convinzioni negative su di sé, ... TERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE PER IL DISTURBO BIPOLARE. education, cognitive-behavioural therapy and interpersonal therapy decrease the ... i disturbi bipolari sono una patologia cronica, con ... propongono un approccio conservativo, riservando gli ... come terapia aggiuntiva nella depressione bipo-.

avatar
Noels Schulzzi

Il disturbo bipolare. Un approccio terapeutico cognitivo è un libro a cura di A. Nisi pubblicato da Giovanni Fioriti Editore : acquista su IBS a 25.00€!

avatar
Jason Statham

Il soggetto che ha un disturbo bipolare non ha la consapevolezza di averlo nella maggior parte dei casi, perché le fasi ... Un approccio terapeutico cognitivo. Queste sono la Terapia Cognitivo-Comportamentale, la Terapia Centrata sulla Famiglia ... Una terapia valida ed efficace del disturbo bipolare si deve dunque fondare sulla conoscen- ... approccio graduale strutturato per affrontare i problemi.

avatar
Jessica Kolhmann

Il disturbo bipolare. Un approccio terapeutico cognitivo, Libro. Sconto 5% e Spedizione con corriere a solo 1 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da Giovanni Fioriti Editore, data pubblicazione marzo 2016, 9788895930589. Lo sviluppo di modelli d'intervento cognitivo-comportamentale mirati al Disturbo Bipolare risale all'inizio degli anni' 90. I pazienti furono ben lieti di poter aggiungere la terapia cognitiva al piano farmacologico in atto e il feedback verbale e scritto di vari pazienti indicava che il modello li faceva sentire più forti, che regnava un'atmosfera di collaborazione tra terapeuta e paziente e